Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

12 idee per la crescita

Ogni domenica ore 13 su Rai3

Rai Educational, presenta 12 Idee per la crescita. Un programma di Valeria Coiante con la collaborazione di Aldo Bonomi. In onda la domenica alle ore 13.00 su Rai3. Una serie in 12 puntate.
Anche l’Italia nel 2014 tornerà a crescere, ma meno di altri paesi. Meno di quanto riuscirà a fare l’Unione Europea nel suo complesso, molto al di sotto dalle performance degli Stati Uniti. All’Italia mancano le idee o la fase evidente di stallo ci impedisce di fare ciò che serve al paese affinché torni ad occupare un posto di primo piano nello scenario economico mondiale?
A 12 idee per la crescita, Rai Educational incontra i protagonisti dell’economia e dell’imprenditoria italiana per capire insieme a loro i motivi di una paralisi della quale l’Italia sembra essere rimasta vittima e perché, anche difronte alle “idee” che ci consentirebbero con forza di risalire la china, spesso non corrisponde una altrettanto chiara e concreta azione indispensabile per ripartire. Le ultime stime Eurostat raccontano infatti di un paese, il nostro, che nell’anno in corso crescerà solo dello 0,7% contro il +1,4% dell’Unione Europea e un incremento del 2,6% degli Stati Uniti; una crescita troppo lieve che più che “inventare idee” obbliga a fare. Fare, non solo per strappare un segno positivo alle statistiche o per scongiurare gli sconquassi di uno dei debiti pubblici più alti del mondo, ma per dare alla parola crescita quella valenza qualitativa che la renda solida e permanente. Fare, per restituire ruolo e futuro alle nuove generazioni ancora in panchina, per crescere ridisegnando il volto dei nostri territori, il volto dell’Italia nel mondo, l’ambiente in cui viviamo, l’immagine delle nostre città e l’amalgama con le nostre campagne, riducendo il costo dell’energia pensando al rispetto della salute, della natura e di un patrimonio artistico - culturale senza pari. Fare, affinché la crescita sia anche e soprattutto sviluppo.