Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Il finanziamento della ricerca: quali priorità?

Dal 2010 i finanziamenti pubblici della ricerca sono in flessione o in stallo a livello internazionale. In Italia soprattutto si è registrata una discesa costante e netta, che sta creando un rischio mortale per l’intero settore, già tradizionalmente asfittico. Gli investimenti industriali, pur facendo la loro parte, non possono sostituirsi nel sostenere una ricerca indipendente, mentre i fondi europei, con Horizon 2020, danno poche risorse per la scienza realmente di base. Un modello di crescita basato sull’adozione di innovazioni create altrove ha urgente bisogno di essere rivisto.

A riguardo Francesca Pasinelli, direttore generale Fondazione Telethon, sottolinea la necessità di una maggiore iniezione di denaro per finanziare programmi di ricerca, risistemare la governance con cui vengono individuate le priorità, mettere a punto un sistema che permetta la valorizzazione dei programmi di ricerca attraverso una protezione della proprietà intellettuale e un accurato trasferimento tecnologico. "Senza tutto questo- afferma Pasinelli- corriamo il rischio che ogni investimento in più venga vanificato dall'assenza di un modello, di un progetto di visione di cui il paese sta soffrendo gravemente la mancanza".

In particolare, nella ricerca biomedica, secondo Pasinelli, una realtà che sarebbe necessario creare è un'agenzia della ricerca o comunque un ente che sia preposto non solo a vedere e a conoscere a fondo lo stato dell'arte della ricerca italiana, ma soprattutto a organizzare programmi di revisione di progetti di ricerca che si vuole finanziare. Questo esiste in ogni paese, ma non in Italia, dove la competenza in ambito di ricerca bio-medica, è divisa tra due ministeri e questo crea una visione non organica dell'investimento del paese: quando il denaro è poco invece avere una visione stringente in un programma che sia gestito organicamente, è ancora più necessario.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo