Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Genitori a lavoro. L`arte di integrare figli, lavoro, vita

Cosa vuol dire oggi diventare genitori rispetto ad un mercato del lavoro in continua evoluzione? A questa domanda ha provato a dare una risposta il libro "Genitori a lavoro. L'arte di integrare figli, lavoro, vita" edito da Guerini Next e a cura di Laura Girelli e Adele Mapelli. Attraverso un percorso diviso in tre parti, si vuole offrire una panoramica di ciò che vuol dire oggi diventare madre e padre all'interno del contesto lavorativo.

Nella prima parte si da spazio al punto di vista femminile, attraverso quelli che sono gli interrogativi delle giovani donne di oggi, legate al momento della genitorialità: si mette in luce quello che è un passaggio, una scelta, che spesso viene posposta alla ricerca di una stabilità lavorativa che, nel mercato del lavoro odierno, risulta sempre più difficile.  Il lavoro retribuito si configura ancora oggi come un'opzione di realizzazione di sè spesso in competizione con il ruolo materno". Basti pensare che l'età media della prima gravidanza si è alazata dagli anni Cinquanta ad oggi, da una media di 25,9 anni a 32. In tale contesto emerge un'identità femminile "composita", che si scontra tra il desiderio di essere una professionista competente e affidabile e al tempo stesso una madre presente.

La seconda parte è dedicata all'universo maschile, che invoca sempre più la condivisione della genitorialità, sempre più necessaria, anche se "gli uomini, spesso esplicitano meno a parole un cambiamento che li sta toccando profondamente e che li sta mettendo altrettanto visibilmente in crisi d'identità", portandoli a doverne costruire una nuova, con un nuovo equilibrio. Anche da un punto di vista normativo si sta cercando di affermare una cultura di maggiore condivisione di cura dei figli all'interno della coppia.

La terza parte invece tratta il tema della genitorialità dal punto di vista aziendale e organizzativo e di come superare quegli stereotipi che hanno reso il mercato del lavoro intrappolato in se stesso. Il 40, 8% di ex lavoratrici, dichiara di aver interrotto l'attività lavorativa per prendersi cura dei figli. In tale quadro, è importante che nasca un diversity management che sappia supportare in modo adeguato la genitorialità, sia maschile che femminile, una policy che crei un quadro di riferimento entro cui inserire i diversi aspetti.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo