Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Freedom management: la libertà elemento chiave nelle organizzazioni aziendali

Come tenere insieme esigenze di coordinamento di controllo e organizzazione, con la forza della passione delle idee e della libertà delle persone? Questo è l’interrogativo che si è posto Luca Solari, professore ordinario di Organizzazione aziendale all’Università degli Studi di Milano, all’interno del suo libro “Freedom management” edito da Routledge. In passato ci sono già stati tentativi di risposta nella letteratura sull’ imprenditorialità interna oppure in ambito psicologico sull’empowerment, ma nessuna di queste teorie ha messo al centro il punto fondamentale, ovvero la libertà delle persone, concetto molto complesso per il quale Solari ha preso come riferimento la scuola classica del liberismo.
Il contesto che stiamo vivendo, seocndo Solari, non offre più risposte predefinite, infatti viene deifnito con l’acronimo VUCA,  Volatility, (volatilità), Uncertainty (incertezza), Complexity (complessità), Ambiguity (ambiguità):  quindi un contesto nel quale l’idea di poter fare riferimento alle competenze manageriali, a chi detiene le redini dell’organizzazione non basta più. Da un’organizzazione costruita su logiche tendenzialmente di riproduzione e di standardizzazione, dobbiamo passare ad un’organizzazione che metta al centro la capacità di innovare, di essere creativi. 
Le risposte ci sono già all'interno di diversi modelli, basati sull’idea di sostituire un’infrastruttura comunicativa e di relazione alla struttura, creare organizzazioni basate su ruoli molteplici: non ha più senso pensare che le persone siano confinate all’interno di un ambito specifico. Occorre costruire dentro l’organizzazione, dei motori che generino entropia, caso, la possibilità di innovare anche utilizzando una logica evolutiva, creare delle occasioni di incontro, di ricostruzione di gruppi di lavoro basati non necessariamente su  meccanismi  disegnati. 

Infine tenere tutto insieme con una data dashboard, cioè una capacità di raccogliere dati, comprendere che cosa stia accadendo e sperimentare. In tal senso il freedom manager non è più un leader tradizionale, ma deve sviluppare competenze totalmente nuove, cercando l’unicità e sperimentare, trovare soluzioni che nessun altro ha avuto, avere capacità di comprensione che vada oltre la semplice analisi, deve essere nomade, muoversi  e confrontarsi con realtà nuove.

 

 

Luca Solari è Professore ordinario di Organizzazione aziendale presso l'Università degli Studi di Milano. Si occupa di management, di innovazione strategica collegata ai modelli di gestione delle risorse umane e di cambiamento istituzionale ed organizzativo in relazione alla diffusione delle nuove tecnologie con una particolare attenzione a come cambia il mondo del lavoro. L’elemento centrale del suo manifesto di ricerca è il concetto di libertà all’interno degli spazi organizzativi, declinata secondo la tradizione del liberalismo, in particolare della scuola austriaca di von Hayek.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo