Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Diventare imprenditore: quanto conta la formazione?

Il grande limite dei corsi universitari focalizzati sul business e il mondo dell’ imprenditoria è l’enorme gap che hanno con la realtà, secondo Giovanni Iula, Founder presso Startup Strategy.
Per ovvi motivi i piani di studio sono programmati anni prima e questo è totalmente improduttivo per il mercato del lavoro di oggi. La formazione universitaria e la realtà imprenditoriale viaggiano a due velocità completamente diverse per cui diventa complesso gestire questo sistema.
Quindi tirando le somme, i corsi universitari di business sono inutili? No, ma non rappresentano la strada migliore per diventare imprenditore, secondo Iula: l’università diventa un' opportunità se utilizzata come veicolo per fare network.
Docenti e colleghi possono essere risorse utili per il tuo business e viceversa.
Affermare che l’università non è strettamente necessaria per diventare un imprenditore di successo non significa dire che per lavorare in proprio e fare impresa oggi non è necessario formarsi. Gli startupper, che hanno superato le prime fasi del business con successo sono persone con un livello di conoscenza molto alto.
Per diventare imprenditore e sviluppare con successo le idee imprenditoriali devono avere il pieno controllo delle proprie attività.
Non si può controllare qualcosa che non si conosce con profondità, per questo è così importante la formazione. L’unico modo per creare delle attività redditizie nella complessità dei mercati di oggi è attivare una sequenza di azioni fatta in questo modo:

Formazione, messa in pratica, misurazione dei risultati, correzione ed implementazione è la sequenza di azioni necessaria per fare. La formazione è il punto di inizio per creare un’ impresa di successo, utilizzando modelli di sviluppo e strategie professionali. Non si può migliorare e soprattutto prendere rapidamente decisioni strategiche per il bene di un' impresa, se non si è in grado di misurare e di avere dei risultati più o meno immediati se non si utilizzano strategie misurabili. Implementare nella macchina aziendale questi sistemi permetterà di correggere o eliminare le attività improduttive ed investire risorse altrove.
Per una startup, rapidità di esecuzione e corretto utilizzo delle scarse risorse a disposizione sono attività fondamentali. Oggi fare impresa e diventare imprenditore non è né più facile nè più difficile rispetto al passato.
La complessità è aumentata perché all’enorme cambiamento dei mercati non è corrisposto un cambiamento dei protagonisti di questo straordinario film. Auspicare di vestire i panni dell’ imprenditore, presuppone una grande presa di conoscenza, sui passi da compiere per raggiungere questo risultato. Grandi obiettivi, presuppongo grande impegno e il lavoro dell’ imprenditore ne richiede tanto, ma le soddisfazioni sono enormi.

Il ruolo dell’ università nel panorama della formazione per l’ imprenditorialità è marginale e non indispensabile per diventare imprenditori di successo. Come ogni ambiente di formazione e crescita può essere sfruttati come punto di partenza per creare relazioni vere e di valore che si potrà utilizzare a vari livelli per lo sviluppo delle tue idee.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo